I soldi per il Ponte sullo Stretto siano destinati alla prevenzione antisismica

L’associazione Movimento Tellurico esprime profondo cordoglio per le vittime del nuovo terremoto che ha colpito l’Italia centrale.

Le conseguenze di terremoti, sismi e calamità naturali sono tristemente prevedibili in questo paese: per questo Movimento Tellurico si batte da anni per un’opera diffusa di prevenzione totale e di spostamento di risorse da inutili opere megagalattiche, come il ponte sullo Stretto di Messina, verso la prevenzione antisismica e una cultura dell’ecologia e della solidarietà, di cui questo paese ha molto più bisogno.

Speriamo che questa nuova tremenda lezione faccia capire a tutti l’importanza di muoverci e di non restare arretrati su questi temi.

Solidarietà alle vittime. E ora rimbocchiamoci le maniche e mettiamoci al lavoro.

Enrico Sgarella
Presidente APS Movimento Tellurico – trekking ecologia e solidarietà

 

Firmate la petizione su change:

I soldi del Ponte siano destinati alla sicurezza antisismica

Enrico Sgarella

Gran Sasso: bocciato il progetto della nuova seggiovia delle Fontari

L’Aquila, 4 dicembre 2015 – La Regione ha deciso di bocciare il progetto della nuova seggiovia delle Fontari, abbandonando ogni ipotesi di distruzione di ambienti preziosi ed insostituibili e virando decisamente verso un modello di rilancio del Gran Sasso volto alla promozione della qualità del territorio e di un turismo basato sulla tutela dell’ambiente. Infatti, il Comitato Regionale per la Valutazione di Impatto Ambientale, nella sua riunione di ieri stando alle prime informazioni disponibili, ha respinto il progetto del nuovo impianto sciistico, giudicandolo insostenibile sul piano ambientale ed indicando in un nuovo progetto che ricalchi il vecchio tracciato quello sul quale occorrerà ripetere la procedura di VIA.

Sembra proprio che si stia andando verso quanto sostenuto da sempre dalle Associazioni ecologiste, che vedono ora premiate le loro iniziative per impedire la realizzazione di un devastante progetto che avrebbe compromesso in modo irreparabile lo stato di conservazione di habitat e specie tutelate a livello nazionale ed europeo.

Le Associazioni ecologiste, riunite nel cartello EmergenzAmbiente Abruzzo, salutano con grande favore la nuova stagione di collaborazione su questi temi con la Regione, avviata in seguito al recente incontro con il Vice Presidente della Regione Giovanni Lolli e con il Direttore del Parco Nazionale del Gran Sasso Domenico Nicoletti, basata su un deciso rilancio delle attività economiche legate al turismo insieme a un netto miglioramento della qualità dell’ambiente e del turismo stesso, in linea con il percorso teso a far riconoscere dall’UNESCO le nostre montagne come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Gli interventi finanziati ed in corso di finanziamento da parte della Regione a favore del Gran Sasso (ammodernamento delle strutture turistiche esistenti; realizzazione, sistemazione e valorizzazione di una moderna ed articolata rete di sentieri per escursioni giornaliere e trekking di lunga durata, anche su terreno innevato; importanti interventi di rinaturalizzazione del territorio) consentiranno il rilancio delle attività economiche legate al turismo, che potrà così procedere di pari passo con il miglioramento della qualità dell’ambiente, con relativo aumento del valore dei servizi forniti dall’ecosistema e dell’occupazione locale.

Attraverso la riqualificazione in chiave ecologica dei complessi turistico-sciistici e l’attuazione di interventi di risanamento e rinaturalizzazione del territorio, si potrà finalmente sviluppare un turismo indipendente dalla presenza di neve sulle piste, in grado di rivitalizzare l’economia delle aree montane per tutto l’arco dell’anno e in modo durevole nel tempo, fornendo lavoro ad un gran numero di persone per decenni e migliorando e non peggiorando la qualità del nostro preziosissimo ambiente naturale.

Giornata del Camminare 2015

Per la Giornata nazionale del Camminare 2015, Movimento Tellurico propone una riflessione sull’ambiente e sulla difesa della Terra, bene comune. Lo faremo come sempre a modo nostro, raccontando lungo il cammino le nostre esperienze ed emozioni.

Il primo appuntamento è previsto all’alba a Piazza San Pietro, angolo Via della Conciliazione, alle ore 6, per salire subito sul Gianicolo e salutare il levare del sole.
Per la seconda parte del percorso, l’appuntamento è alle ore 9:30 al Colosseo: da qui cammineremo fino alla Città dell’Altra Economia.

Come sempre, chi non può essere presente dall’inizio o parte da troppo lontano può raggiungerci in appuntamenti successivi lungo il cammino.

Logo-Facebook-piccoloClicca qui per l’evento Facebook della camminata di Movimento Tellurico.

 

Prima parte:
Con i nostri passi difendiamo la terra – Roma alle prime luci dell’alba

Percorso prima parte

Profilo altimetrico del percorso:

Profilo altimetrico prima parte del percorso (fino al Colosseo)

Partenza: ore 6:00 a Piazza San Pietro, angolo Via della Conciliazione
Lunghezza percorso: 6 km

Ci mettiamo in cammino alle prime luci dell’alba partendo da Piazza San Pietro, angolo Via della Conciliazione.
Appuntamento alle 6 per raggiungere all’alba il Gianicolo e salutare insieme il levare del sole, previsto alle ore 7:13.
Alle 9:00 saremo al Colosseo per il raduno con tutte le altre associazioni partecipanti alla Giornata del Camminare.

 

Seconda parte:
Con i nostri passi difendiamo la terra – Roma verso un’altra economia

Percorso seconda parte

Profilo altimetrico seconda parte:

Profilo altimetrico seconda parte

Partenza: ore 9:30, Colosseo
Successivo appuntamento: ore 11:00, Terme di Caracalla, stadio viale Baccelli
Lunghezza percorso: 9 km

Dal Colosseo la nostra camminata proseguirà per un circuito urbano che si snoda per il centro di Roma (quartieri Testaccio ed Ostiense) per raggiungere infine la Città dell’Altra Economia.

 

Per informazioni

Mail: movimentotellurico@gmail.com
Tel: 329 429 3301 (dalle 18 alle 20)

Festa dell’Altra Neve 2015

Festa_dellaltra_neve

Per il terzo anno consecutivo FederTrek organizza la Festa dell’Altra Neve sulle montagne del Sirente – Velino (provincia dell’Aquila).

Perche “altra” neve e perché il “Sirente – Velino”?

Il Parco Regionale Sirente – Velino è una bellezza in pericolo, sottoposto da anni a pressioni per essere riperimetrato per fare spazio a impianti di risalita e speculazioni. In passato la FederTrek si è unita alla battaglia per bloccare una di queste riperimetrazioni ottenendo un grande risultato, ma adesso è il momento di proporre un’alternativa alle popolazioni della zona, affinché possano capire che la tutela del territorio può essere un’ottima risorsa per integrare il turismo sciistico già esistente, senza distruggere l’ambiente.
La Festa dell’Altra Neve di quest’anno vuole essere un segno, coinvolgendo direttamente tutte le realtà locali, che un nuovo modello di sviluppo è possibile.

Cammineremo al fianco di guide locali, assaggeremo prodotti tipici, balleremo al ritmo delle danze popolari, pernotteremo in tenda all’ascolto degli ululati…
E poi cammineremo, ciaspoleremo, scieremo e faremo pupazzi di neve. Insomma, tante occasioni di divertimento per tutti, per stare insieme e goderci le bellezze della neve.

Per dettagli sugli eventi, costi di iscrizione e per richiedere ulteriori informazioni:
http://www.federtrek.org/festa-dell-altra-neve-2015.php#top

La spirale della memoria: 100 anni dal terremoto che distrusse la Marsica

Il-cammino-spirale-della-memoria

Movimento Tellurico inaugura le attività previste per il 2015 partecipando alla “Spirale della Memoria” organizzata da Luca Gianotti, cofondatore della Compagnia dei Cammini. L’iniziativa intende commemorare la tragedia del terremoto della Marsica del 1915: un intero territorio sconvolto, 30.000 morti nella regione.

Il cammino si svolgerà dal 2 al 16 Gennaio (con qualsiasi condizione atmosferica) e in due settimane toccherà tutti i luoghi della tragedia. Ci saranno incontri e manifestazioni locali sul tema della Memoria e dell’impegno odierno per la prevenzione e la salvaguardia del territorio.

Clicca qui per seguire l’evento su Facebook

Luca Gianotti
Luca Gianotti in cammino tra sole e neve

 

La Spirale della Memoria si intreccia con percorsi e luoghi della Lunga Marcia per L’Aquila e nella sua ideazione corrisponde alla linea perseguita da Movimento Tellurico del “camminare per”: escursionismo inteso non solo come mera attività di trekking ma anche come mezzo per segnalare le criticità del territorio e, come in questo caso, per ricordare tragici fatti del passato che fanno riflettere sulla necessità assoluta di attivare una politica nazionale di prevenzione antisismica, la prima vera “grande opera” da mettere subito in cantiere prima di ogni altra previsione di spesa.

Perciò non potevamo non seguire attivamente la traccia di Luca Gianotti e saremo presenti nelle tappe:

  • sabato 10 gennaio: Forca Caruso – Cerchio – Aielli – Celano
  • domenica 11 gennaio: Celano – Magliano de’ Marsi
  • venerdì 16 gennaio (tappa finale di arrivo): Pescina – Piana del Fucino – Avezzano

Sarà una buona occasione per approfondire il solco dei nostri cammini in vista della Lunga Marcia per L’Aquila del 2015.

Buon anno da Movimento Tellurico!

VALLE DELL’ANIENE: LAVORO, BELLEZZA, FUTURO

10336717_10203917541039392_2014127656392832006_n

Oggi partecipiamo all’incontro organizzato presso il Casone – Valle dell’Aniene ad Anticoli Corrado (RM) per festeggiare il primo anno del progetto “Lavoro, Bellezza, Futuro” e ragionare su percorsi condivisi e virtuosi di valorizzazione territoriale. I promotori sono il Circolo Legambiente Mondi Possibili, il Comune di Anticoli Corrado e l’Aps Tavola Rotonda.

Non potevamo mancare a questo appuntamento che ha come obiettivo la valorizzazione di una delle zone più affascinanti lungo il cammino della nostra Lunga Marcia. Maggiori informazioni si trovano sul sito di Legambiente Mondi Possibili.