Per non arrendersi di fronte all’Aquila

Le nostre parole si fanno strada. Il gesto semplice del camminare, ma avendo sulle spalle un’idea oltre allo zaino, fa muovere le idee e spinge a promuovere iniziative anche provocatorie, ma di certo che nulla concedono all’arrendevolezza e al fatalismo. Il male fatto all’Aquila non deve averla vinta grazie alla nostra immobilità.

no-tav-@aq-web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *