Campagna di raccolta fondi FederTrek “Io cammino per ricostruire”

La nostra associazione partecipa al progetto di aiuto solidale diretto alle zone terremotate promosso da FederTrek Escursionismo e Ambiente in collaborazione con Brigata Garbatella onlus, Casetta Rossa, APE (Associazione proletari escursionisti) e altre associazioniaffiliate FederTrek per l’acquisto di una tensostruttura per il ricovero degli animali nella frazione di Sommati (Amatrice).

In questa frazione (circa 70 abitanti) che ha avuto 11 perdite umane in occasione del terremoto del 24 agosto, la popolazione ha deciso di rimanere sul posto anche perché l’economia locale si basa esclusivamente su attività di allevamento di ovini e bovini. Nell’imminenza della brutta stagione occorre provvedere al ricovero del bestiame poiché le stalle sono andate distrutte dal terremoto.

La perdita o la svendita del bestiame indurrebbe gran parte della popolazione ad abbandonare la propria terra, dando così un colpo gravissimo al territorio e alla capacità di resilienza di questa comunità. Non è mancato, fatto gravissimo, chi speculando sulla situazione ha tentato di approfittarne offrendo agli allevatori € 100 per l’acquisto di un bovino, il cui valore è almeno dieci volte superiore.

Riteniamo perciò che l’acquisto della tensostruttura sia un valido contributo per aiutare la comunità di Sommati nel lungo cammino della ricostruzione.

Chi vuole contribuire può versarci la propria donazione, anche minima, indicando come causale: “Donazione per aiuto a Sommati” sul conto corrente Banca Etica di Movimento Tellurico.
IBAN: IT17Z0359901899050188527211
(il nostro conto per onlus e associazioni fa capo alla Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo del Nord Est, facente parte del circuito di Banca Etica, perciò nell’esito del bonifico comparirà questa dicitura)

Sul sito Federtrek è già presente una pagina dedicata alla raccolta fondi con un “Contatore” che indicherà la provenienza delle somme versate dalle varie associazioni e il totale del denaro raccolto.

Un fac simile della tensostruttura che verrà acquistata:

allestimenti_33_im1

La nostra Giornata del Camminare

Il nostro 9 ottobre è stato un giorno memorabile di condivisione e solidarietà, vissuto tra Roma e poi Ussita, Visso e Castelsantangelo sul Nera (MC).

Ringraziamo tutti gli amici che ne hanno fatto parte e anche la redazione di Cronache Maceratesi per la bella cronaca della giornata e per il video che abbiamo il piacere di riportare di seguito.

Il cammino ricomincia da tre: Visso, Ussita e Castelsantangelo per salvare la montagna

La giornata del camminare sui Sibillini

di Gabriele Censi

Con l’hashtag #siamoagibili si è svolta oggi la “Giornata del camminare” di FederTrek che ha coinvolto circa 150 escursionisti provenienti da vari parti d’Italia. Una trentina, dell’associazione Movimento Tellurico, da Roma per continuare il percorso notturno nelle vie della Capitale partito alle 3:36, ora della prima scossa del 24 agosto. Come un proseguimento della “Lunga Marcia per L’Aquila” due gruppi, uno da Visso e uno da Ussita, si sono incontrati alle porte di Castelsantangelo dopo un paio di ore di cammino sotto un sole inatteso.

Ad accoglierli il sindaco Mauro Falcucci che con i colleghi Marco Rinaldi e Giuliano Pazzaglini e il presidente dell’associazione Enrico Sgarella hanno guidato il corteo nell’ingresso in paese per un lancio finale di palloncini azzurri con la scritta “Castelsantangelo c’è anche grazie a voi”. Poi il pranzo al parco a cura della pro loco e l’incontro con la psicologa Lucia Caimmi della Sipem (psicologi dell’emergenza).

“Dovremmo essere sotto i riflettori in condizioni di normalità almeno il doppio del tempo, invece solo grazie a questo evento drammatico possiamo promuovere le nostre eccellenze, siamo un territorio stupendo, qui c’è la sede del parco dei Sibillini, – ha detto il sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini – e vogliamo dimostrare nonostante le difficoltà del momento e il disagio dei lavori in corso, comunque è possibile ancora stare bene qui”. Il sindaco di Castelsantangelo Mauro Falcucci ringrazia per la straordinaria mobilitazione: “Oggi è il momento della speranza, questa iniziativa ci ha portato un momento di gioia. Le recenti parole di Errani ci hanno rafforzato e la nostra tenacia riuscirà a produrre effetti positivi. Non c’è da distinguere tra comuni, siamo un unico comprensorio e la montagna può rinascere per il bene di tutta la regione”.

Marco Rinaldi primo cittadino di Ussita ricorda un episodio di oltre 30 anni fa di cui fu testimone il padre già sindaco: “Amintore Fanfani in visita ad una mostra a Macerata che esponeva delle opere d’arte di Castelsantangelo disse ‘queste terre non sono da meno della Toscana’. Abbiamo chiesto alle autorità di avere la certezza della ricostruzione totale, le nostre seconde case sono l’eredità di padri e nonni trasferiti altrove, il turismo è quasi il 100% della nostra economia”’. “Siamo qui per dare un sostegno alle popolazioni, – dice Lucia Caimmi della Sipem – durante l’emergenza c’è uno sconvolgimento delle emozioni del quotidiano, l’aiuto psicologico consiste nel cercare di riportare uno stato di sicurezza di base e stimolare la capacità di resilienza, reagire con le proprie forze”.

Di seguito alcune foto di Silva Ferretti (che ringraziamo come sempre di cuore!) sulla nostra camminata notturna a Roma:

dsc_3933

dsc_3997

dsc_4094

dsc_3930

9 Ottobre 2016, Giornata del Camminare – “Dalla notte… al giorno: passi per ricostruire”

Per la Giornata nazionale del Camminare 2016 promossa da FederTrek, quest’anno con una particolare attenzione verso i territori colpiti dall’ultimo tragico sisma che ha colpito l’Italia centrale, Movimento Tellurico desidera estendere la riflessione su prevenzione antisismica e urgenza della ricostruzione dal piano materiale a quello psicologico, perché da questo punto di vista l’area colpita dal terremoto è stata ancora più estesa, con danni all’intera economia dell’Italia appenninica fra Lazio, Umbria e Marche.

Come lo scorso anno proponiamo due camminate distinte, la prima delle quali, a Roma, notturna e con conclusione all’alba, per lasciare la possibilità ai partecipanti di tornare alle proprie case o unirsi ad altri eventi previsti nella Capitale.
Per chi invece abbia il piacere di restare con noi, ci spostiamo tutti insieme per vivere la Giornata del Camminare in un luogo e con persone molto speciali: nel territorio del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, appartenente al cratere del sisma del 24 agosto e meno menzionato perché fortunatamente senza perdite umane, ma che sta pagando le conseguenze della paura in termini di abbandono delle attività locali.
locandina-gdc(Cliccare sulla locandina per ingrandirla)

1. Prologo notturno: lungo le tracce dei terremoti di Roma

Appuntamento a Piazza San Giovanni, Roma, alle ore 3:15 del mattino di domenica 9 ottobre.
Una volta radunati, alle 3:32, orario del terremoto dell’Aquila (6 aprile del 2009), condivideremo 4 minuti di silenzio e riflessioni per dare quindi inizio al nostro cammino alle ore 3:36, orario della scossa più devastante verificatasi nella notte del 24 agosto scorso in Italia centrale.

Attraverseremo il centro di Roma con le luci della notte per osservare, con una prospettiva per molti inedita, il Colosseo, Piazza Colonna e altri luoghi in cui sono ancora visibili i segni di antichi terremoti che colpirono la Città Eterna, anch’essa non esente dal rischio sismico come narrano antiche cronache di Tito Livio, Dionigi di Alicarnasso, Plinio e altri ancora, di cui leggeremo alcuni brani durante il cammino.

Il nostro cammino terminerà al Gianicolo, dalla cui terrazza assisteremo insieme al sorgere del sole da dietro i Colli Albani, altro luogo a rischio sismico elevato ma poco noto. Per ricordarci che parlare di prevenzione è utile sempre e ovunque.

2. Siamo agibili! Prevenzione e resilienza nelle terre del sisma

Dal Gianicolo alle 7:15 partiamo in pullman per raggiungere l’Alta Valle del Nera, nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, per camminare insieme ai cittadini di Castel Sant’Angelo sul Nera, Ussita e Visso e ripartire da questo splendido territorio nella Provincia di Macerata, posizionato a pochi chilometri dall’epicentro della scossa delle 4:33 di magnitudo 5.4, la seconda più distruttiva dopo quella delle 3:36.

In questi tre comuni, rimasti fuori dai riflettori mediatici, non ci sono stati né morti né feriti, ma ingenti danni al patrimonio immobiliare, limitati grazie agli interventi realizzati a seguito del sisma del 1997.
Con la nostra presenza intendiamo aiutare a mantenere vivo il territorio ripartendo dalle persone che ci vivono e che stanno lottando duramente per mantenere in piedi attività economiche, culturali e ambientali.

Se conosciamo il terremoto possiamo imparare ad affrontarlo: continueremo a temerlo, ma possiamo vincere la paura e ridurre al minimo il rischio!

Informazioni:

L’iscrizione alle due camminate è gratuita.
Chiediamo soltanto un contributo per il viaggio in autobus da Roma alle Marche e ritorno, da effettuare con bus a noleggio: 12 € a persona

Telefoni di riferimento per la camminata a Roma: 328 419 4746 – 339 228 7563
Telefoni di riferimento per la camminata nelle Marche: 339 157 5644 – 339 847 1502

Per ulteriori informazioni e per iscriversi a una o entrambe le camminate

Scrivete un messaggio email a info@movimentotellurico.it o telefonate al numero 339 228 7563.
Per l’iscrizione, specificate i nominativi dei partecipanti e le camminate alle quali sarete presenti.

[Immagini locandina: Designed by Freepik]

Salva

I soldi per il Ponte sullo Stretto siano destinati alla prevenzione antisismica

L’associazione Movimento Tellurico esprime profondo cordoglio per le vittime del nuovo terremoto che ha colpito l’Italia centrale.

Le conseguenze di terremoti, sismi e calamità naturali sono tristemente prevedibili in questo paese: per questo Movimento Tellurico si batte da anni per un’opera diffusa di prevenzione totale e di spostamento di risorse da inutili opere megagalattiche, come il ponte sullo Stretto di Messina, verso la prevenzione antisismica e una cultura dell’ecologia e della solidarietà, di cui questo paese ha molto più bisogno.

Speriamo che questa nuova tremenda lezione faccia capire a tutti l’importanza di muoverci e di non restare arretrati su questi temi.

Solidarietà alle vittime. E ora rimbocchiamoci le maniche e mettiamoci al lavoro.

Enrico Sgarella
Presidente APS Movimento Tellurico – trekking ecologia e solidarietà

 

Firmate la petizione su change:

I soldi del Ponte siano destinati alla sicurezza antisismica

Enrico Sgarella

Gran Sasso: bocciato il progetto della nuova seggiovia delle Fontari

L’Aquila, 4 dicembre 2015 – La Regione ha deciso di bocciare il progetto della nuova seggiovia delle Fontari, abbandonando ogni ipotesi di distruzione di ambienti preziosi ed insostituibili e virando decisamente verso un modello di rilancio del Gran Sasso volto alla promozione della qualità del territorio e di un turismo basato sulla tutela dell’ambiente. Infatti, il Comitato Regionale per la Valutazione di Impatto Ambientale, nella sua riunione di ieri stando alle prime informazioni disponibili, ha respinto il progetto del nuovo impianto sciistico, giudicandolo insostenibile sul piano ambientale ed indicando in un nuovo progetto che ricalchi il vecchio tracciato quello sul quale occorrerà ripetere la procedura di VIA.

Sembra proprio che si stia andando verso quanto sostenuto da sempre dalle Associazioni ecologiste, che vedono ora premiate le loro iniziative per impedire la realizzazione di un devastante progetto che avrebbe compromesso in modo irreparabile lo stato di conservazione di habitat e specie tutelate a livello nazionale ed europeo.

Le Associazioni ecologiste, riunite nel cartello EmergenzAmbiente Abruzzo, salutano con grande favore la nuova stagione di collaborazione su questi temi con la Regione, avviata in seguito al recente incontro con il Vice Presidente della Regione Giovanni Lolli e con il Direttore del Parco Nazionale del Gran Sasso Domenico Nicoletti, basata su un deciso rilancio delle attività economiche legate al turismo insieme a un netto miglioramento della qualità dell’ambiente e del turismo stesso, in linea con il percorso teso a far riconoscere dall’UNESCO le nostre montagne come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Gli interventi finanziati ed in corso di finanziamento da parte della Regione a favore del Gran Sasso (ammodernamento delle strutture turistiche esistenti; realizzazione, sistemazione e valorizzazione di una moderna ed articolata rete di sentieri per escursioni giornaliere e trekking di lunga durata, anche su terreno innevato; importanti interventi di rinaturalizzazione del territorio) consentiranno il rilancio delle attività economiche legate al turismo, che potrà così procedere di pari passo con il miglioramento della qualità dell’ambiente, con relativo aumento del valore dei servizi forniti dall’ecosistema e dell’occupazione locale.

Attraverso la riqualificazione in chiave ecologica dei complessi turistico-sciistici e l’attuazione di interventi di risanamento e rinaturalizzazione del territorio, si potrà finalmente sviluppare un turismo indipendente dalla presenza di neve sulle piste, in grado di rivitalizzare l’economia delle aree montane per tutto l’arco dell’anno e in modo durevole nel tempo, fornendo lavoro ad un gran numero di persone per decenni e migliorando e non peggiorando la qualità del nostro preziosissimo ambiente naturale.

Giornata del Camminare 2015

Per la Giornata nazionale del Camminare 2015, Movimento Tellurico propone una riflessione sull’ambiente e sulla difesa della Terra, bene comune. Lo faremo come sempre a modo nostro, raccontando lungo il cammino le nostre esperienze ed emozioni.

Il primo appuntamento è previsto all’alba a Piazza San Pietro, angolo Via della Conciliazione, alle ore 6, per salire subito sul Gianicolo e salutare il levare del sole.
Per la seconda parte del percorso, l’appuntamento è alle ore 9:30 al Colosseo: da qui cammineremo fino alla Città dell’Altra Economia.

Come sempre, chi non può essere presente dall’inizio o parte da troppo lontano può raggiungerci in appuntamenti successivi lungo il cammino.

Logo-Facebook-piccoloClicca qui per l’evento Facebook della camminata di Movimento Tellurico.

 

Prima parte:
Con i nostri passi difendiamo la terra – Roma alle prime luci dell’alba

Percorso prima parte

Profilo altimetrico del percorso:

Profilo altimetrico prima parte del percorso (fino al Colosseo)

Partenza: ore 6:00 a Piazza San Pietro, angolo Via della Conciliazione
Lunghezza percorso: 6 km

Ci mettiamo in cammino alle prime luci dell’alba partendo da Piazza San Pietro, angolo Via della Conciliazione.
Appuntamento alle 6 per raggiungere all’alba il Gianicolo e salutare insieme il levare del sole, previsto alle ore 7:13.
Alle 9:00 saremo al Colosseo per il raduno con tutte le altre associazioni partecipanti alla Giornata del Camminare.

 

Seconda parte:
Con i nostri passi difendiamo la terra – Roma verso un’altra economia

Percorso seconda parte

Profilo altimetrico seconda parte:

Profilo altimetrico seconda parte

Partenza: ore 9:30, Colosseo
Successivo appuntamento: ore 11:00, Terme di Caracalla, stadio viale Baccelli
Lunghezza percorso: 9 km

Dal Colosseo la nostra camminata proseguirà per un circuito urbano che si snoda per il centro di Roma (quartieri Testaccio ed Ostiense) per raggiungere infine la Città dell’Altra Economia.

 

Per informazioni

Mail: movimentotellurico@gmail.com
Tel: 329 429 3301 (dalle 18 alle 20)

Festa dell’Altra Neve 2015

Festa_dellaltra_neve

Per il terzo anno consecutivo FederTrek organizza la Festa dell’Altra Neve sulle montagne del Sirente – Velino (provincia dell’Aquila).

Perche “altra” neve e perché il “Sirente – Velino”?

Il Parco Regionale Sirente – Velino è una bellezza in pericolo, sottoposto da anni a pressioni per essere riperimetrato per fare spazio a impianti di risalita e speculazioni. In passato la FederTrek si è unita alla battaglia per bloccare una di queste riperimetrazioni ottenendo un grande risultato, ma adesso è il momento di proporre un’alternativa alle popolazioni della zona, affinché possano capire che la tutela del territorio può essere un’ottima risorsa per integrare il turismo sciistico già esistente, senza distruggere l’ambiente.
La Festa dell’Altra Neve di quest’anno vuole essere un segno, coinvolgendo direttamente tutte le realtà locali, che un nuovo modello di sviluppo è possibile.

Cammineremo al fianco di guide locali, assaggeremo prodotti tipici, balleremo al ritmo delle danze popolari, pernotteremo in tenda all’ascolto degli ululati…
E poi cammineremo, ciaspoleremo, scieremo e faremo pupazzi di neve. Insomma, tante occasioni di divertimento per tutti, per stare insieme e goderci le bellezze della neve.

Per dettagli sugli eventi, costi di iscrizione e per richiedere ulteriori informazioni:
http://www.federtrek.org/festa-dell-altra-neve-2015.php#top

La spirale della memoria: 100 anni dal terremoto che distrusse la Marsica

Il-cammino-spirale-della-memoria

Movimento Tellurico inaugura le attività previste per il 2015 partecipando alla “Spirale della Memoria” organizzata da Luca Gianotti, cofondatore della Compagnia dei Cammini. L’iniziativa intende commemorare la tragedia del terremoto della Marsica del 1915: un intero territorio sconvolto, 30.000 morti nella regione.

Il cammino si svolgerà dal 2 al 16 Gennaio (con qualsiasi condizione atmosferica) e in due settimane toccherà tutti i luoghi della tragedia. Ci saranno incontri e manifestazioni locali sul tema della Memoria e dell’impegno odierno per la prevenzione e la salvaguardia del territorio.

Clicca qui per seguire l’evento su Facebook

Luca Gianotti
Luca Gianotti in cammino tra sole e neve

 

La Spirale della Memoria si intreccia con percorsi e luoghi della Lunga Marcia per L’Aquila e nella sua ideazione corrisponde alla linea perseguita da Movimento Tellurico del “camminare per”: escursionismo inteso non solo come mera attività di trekking ma anche come mezzo per segnalare le criticità del territorio e, come in questo caso, per ricordare tragici fatti del passato che fanno riflettere sulla necessità assoluta di attivare una politica nazionale di prevenzione antisismica, la prima vera “grande opera” da mettere subito in cantiere prima di ogni altra previsione di spesa.

Perciò non potevamo non seguire attivamente la traccia di Luca Gianotti e saremo presenti nelle tappe:

  • sabato 10 gennaio: Forca Caruso – Cerchio – Aielli – Celano
  • domenica 11 gennaio: Celano – Magliano de’ Marsi
  • venerdì 16 gennaio (tappa finale di arrivo): Pescina – Piana del Fucino – Avezzano

Sarà una buona occasione per approfondire il solco dei nostri cammini in vista della Lunga Marcia per L’Aquila del 2015.

Buon anno da Movimento Tellurico!

VALLE DELL’ANIENE: LAVORO, BELLEZZA, FUTURO

10336717_10203917541039392_2014127656392832006_n

Oggi partecipiamo all’incontro organizzato presso il Casone – Valle dell’Aniene ad Anticoli Corrado (RM) per festeggiare il primo anno del progetto “Lavoro, Bellezza, Futuro” e ragionare su percorsi condivisi e virtuosi di valorizzazione territoriale. I promotori sono il Circolo Legambiente Mondi Possibili, il Comune di Anticoli Corrado e l’Aps Tavola Rotonda.

Non potevamo mancare a questo appuntamento che ha come obiettivo la valorizzazione di una delle zone più affascinanti lungo il cammino della nostra Lunga Marcia. Maggiori informazioni si trovano sul sito di Legambiente Mondi Possibili.